Il mio corpo che…

Principio della psicomotricità è la presa in considerazione del bambino nella sua globalità. Utilizzando il corpo come primo mezzo di comunicazione si mira ad educare e rieducare la personalità del bambino intesa come stretta unione tra la sfera motoria, cognitiva, affettiva e sociale.

Condurre i bambini della scuola dell’Infanzia verso un corretto indirizzo della propria energia è la mission che ci poniamo in questo percorso, cercando di fornire strumenti per esplorare ed utilizzare al meglio le numerose risorse che possiede il “corpo umano”.

Scuola dell’infanzia di primo ciclo e Scuola Primaria

  • Il percorso psicomotorio è rivolto a bambini della scuola dell’infanzia e prevede l’erogazione di incontri da 10 a 15, a cadenza mono – settimanale, della durata di un’ora per i bambini di 4 e 5 anni e di mezz’ora per i tre anni da svolgersi nella palestra o in un salone della scuola.
  • Il percorso è rivolto anche ai bambini della scuola primaria primo ciclo prevede l’erogazione di incontri da 10 a 15, a cadenza mono – settimanale, della durata di un’ora per ogni classe.
  • L’ultimo incontro coincide con una lezione in modalità “open” all’interno della quale i bambini si mettono in gioco mostrando giochi o esercitazioni appresi durante il percorso didattico davanti a familiari, parenti e compagni.

GENERALI

  • Individuare, seguire e regolare lo sviluppo psicomotorio;
  • Promuovere l’evoluzione globale del bambino (affettiva, emotiva, motoria e cognitiva) partendo dalle sue potenzialità e nel rispetto della sua globalità;
  • Creare l’apprendimento attraverso l’action learning (imparare facendo);
  • Incontro e sperimentazione con le categorie psicomotorie (spazio/oggetti, ambiente)
  • Facilitare una attenta partecipazione, l’ascolto di sé e degli altri;
  • Rassicurare e aiutare a prendere fiducia nelle personali capacità d’azione e affermazione;
  • Promuovere le relazioni ludiche ed educare al contatto corporeo non violento;
  • Interagire in maniera costruttiva con bambini di altre culture e nazionalità utilizzando un linguaggio comune (il corpo);
  • Conoscere e riconoscere le sensazioni e le emozioni attraverso il vissuto;
  • Sostenere e sviluppare la creatività espressiva.

SPECIFICI

  • Affinamento di tutte le capacità senso-percettive;
  • Favorire il passaggio dal vissuto all’uso delle abilità simboliche;
  • Sviluppo e consolidamento degli Schemi Motori di Base;
  • Sviluppo della capacità coordinativa dinamica generale e intersegmentaria;
  • Presa di consapevolezza del proprio corpo in rapporto allo spazio, al tempo e alle persone intorno;
  • Sviluppo delle capacità d’equilibrio statico e dinamico;
  • Presa di coscienza della propria dominanza corporea;
  • Sviluppo delle capacità di adattamento al ritmo;
  • Manipolazione ed utilizzo di piccoli attrezzi: carchi, palloni, funi, bastoni;
  • Utilizzo del corpo come mezzo di espressione.

“Il mio corpo… si presenta”

  • Mi presento
  • Stop, pronti e via!
  • Conoscenza delle diverse parti del corpo;

“Il mio corpo… si muove”

  • Percorso motorio utilizzando gli schemi motori di base: camminare, correre, saltare, strisciare, rotolare.
  • Potenziamento delle capacità senso- percettive;

“Il mio corpo… nello spazio”

  • Sviluppo della capacità di percezione dello spazio;
  • Gli schieramenti nello spazio;
  • Introduzione ai concetti di dentro, fuori, sopra, sotto…

“Il mio corpo… tiene il tempo”

  • Adattamento al ritmo attraverso il corpo e la voce;
  • Adattamento al ritmo attraverso l’ascolto musicale e il movimento.

“Il mio corpo…ascolta”

  • Giochi di contatto;
  • Giochi di gruppo;
  • Manipolazione dei piccoli attrezzi.

“Il mio corpo…comunica”

  • Giochi su sensazioni ed emozioni;
  • Storie Animate.

banner-h-back-to-school