Giocoleria di gruppo

Presentiamo qui un gioco che i coach dell’Orma, Paolo e Daniele, hanno preparato per un corso di formazione europeo.
Si tratta di un gioco di collaborazione e strategia che può sviluppare interessanti dinamiche di gruppo degne di osservazione.

Esercitazione:

L’obiettivo del gioco è passare la pallina a tutti i componenti del gruppo per 10 volte consecutive, rispettando le seguenti regole:

  1. Tutti hanno una pallina
  2. Tutti passano la pallina, simultaneamente, ad un altro componente
  3. Nessuna pallina deve cadere a terra

Prima parte:

  1. A coppie, tenendo conto delle regole ci si passa la pallina sperimentando diverse modalità: dall’alto, dal basso, si lancia e riceve con una mano o con due mani si sperimentano diverse distanze
  2. A tre: ci si passa la palla a destra, poi a sinistra. Si sperimentano lanci diversi
  3. A quattro/cinque: si sceglie come passarsi la palla, il coach indica con il braccio la direzione in cui il gruppo dovrà spostarsi mentre si passano le palline

Seconda parte:

  1. Il gruppo deve realizzare l’obiettivo dei 10 passaggi
  2. Feedback (almeno 10’): in cerchio con una pallina. Parla solo chi ha la pallina in mano.
    1. Vi siete divertiti? Cosa ha fatto in modo che sia stato divertente? (Per ogni risposta una pallina va al centro del cerchio, minimo di risposte: 10)
    2. Cosa avete imparato? Cosa vi ha permesso di raggiungere l’obiettivo o cosa vi ha ostacolato?
    3. C’e’ qualcosa che fareste di diverso la prossima volta?
    4. In quali altre situazioni potete utilizzare ciò che avete appreso?

Stimolo formativo e feedback:

Obiettivo finale spiegato fin dall’inizio: questo permette ai partecipanti di avere chiaro lo scopo durante tutte le esercitazioni preliminari consentendone una maggiore focalizzazione sulla prova finale.
Il gioco ha poche regole e generali, permettendo una libera interpretazione che consente alla squadra di poter scegliere soluzioni creative per il raggiungimento dell’obiettivo (non è descritta modalità di lancio, distanza, disposizione, etc.).
Dal semplice al complesso, dall’individuale al collettivo. Gli esercizi della prima parte facilitano la gestione della complessità sia tecnica (coordinazione oculo-manuale) che di interazione con un numero sempre crescente di compagni di squadra.
Dallo strutturato al non strutturato, dal noto allo sconosciuto: la prima parte è regolamentata e guidata dall’istruttore la seconda è libera: il gruppo dovrà prendere decisioni facendo tesoro dell’esperienza (strutturata) precedente.
Lo sviluppo di una strategia richiede: comunicazione fra il gruppo per trovare la modalità di lancio, la distanza ottimale, il ritmo ottimale, la disposizione ottimale.
Gioco inclusivo: tutti possono giocare. E’ un gioco che può passare da un livello base fino a livelli molto più complessi in termini di modalità di lancio, coreografie e tempi di esecuzione.
Dinamiche di gruppo osservabili: il gruppo potrà dover trovare il modo per includere tutti (anche gli infortunati). Assegnare ruoli ai vari componenti. Osservare e adeguarsi alle modalità di lancio altrui (metafora del sapere accettare le caratteristiche ed i limiti altrui e adeguarsi ad essi al fine di raggiungere l’obiettivo).
Sviluppa la percezione di autorealizzazione: il gioco è strutturato in maniera tale da favorire il raggiungimento dell’obiettivo piuttosto che lasciare i partecipanti a sé stessi. Incrementare le possibilità di successo significa dare la possibilità al gruppo e all’individuo di aver conseguito un risultato all’inizio percepito come complesso, rinforzando l’autostima e la coesione del gruppo.

Competenze youthpass attivate:

1) Comunicare nella lingua madre

2) Comunicare nelle lingue straniere

3) Competenza matematica e competenze di base scientifiche e tecnologiche

4) Competenza digitale

5) Apprendere ad apprendere

6) Competenze civili e sociali

7) Senso di iniziativa e imprenditorialità

8) Consapevolezza ed espressione culturale

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

RICEVI DIRETTAMENTE NELLA TUA CASELLA EMAIL I NUOVI ARTICOLI PUBBLICATI