Guardare Lontano

guardare-lontano

 

Nel vivere la quotidianità capita spesso di non rendersi conto con piena consapevolezza di ciò che sta accadendo. Ogni tanto mi chiedo se i più grandi personaggi storici, nel momento delle loro gesta eroiche, avessero piena coscienza del fatto che quello che stavano facendo sarebbe diventato un accadimento unico e che, addirittura, sarebbe finito sui libri di storia.

Penso a Garibaldi e a tutti i personaggi a cui hanno dedicato monumenti, vie e piazze. Mi chiedo: ma Annibale, con i suoi elefanti, cosa provava in quel momento? Aveva piena presenza di sé e di ciò che stava vivendo?

Lo scorso week-end ho voluto dedicare qualche attimo alla riflessione consapevole del grande momento storico da narrare sui libri di Storia della Promozione sociale: “Lo sbarco in Danimarca”. L’incipit con tono storico, nobilita l’evento e gli conferisce quell’importanza che ha all’interno della Storia de L’Orma.

Grazie a chi ha avuto la lungimiranza di aprire lo sguardo all’Europa, da due anni guardiamo oltre, miriamo ai progetti di rete, intravedendo in questi una naturale espressione della forza progettuale maturata nelle scuole italiane e con tutte le attività proposte in questi anni.

Da Venerdì a Domenica siamo stati a Copenaghen, accolti da Pelle e Ditte, i due fondatori di FitforKids. Dal 2007, FitforKids propone interventi di sensibilizzazione e di attività motoria rivolti alle famiglie di bambini in sovrappeso. In questi anni, hanno raccolto dati e indicatori numerici con l’intento di sensibilizzare le grandi fondazioni bancarie ad investire sulla prevenzione dell’obesità e sull’educazione alle sane abitudini alimentari e di vita; i loro studi dimostrano che l’investimento preventivo è economicamente vantaggioso rispetto ai costi che, nel corso della vita, una persona obesa o in sovrappeso genera per la società.

FitforKids è un progetto a partecipazione gratuita, la sua espansione oggi è arrivata a toccare 4 città della Danimarca e ora si dirige in Europa. A settembre 2017, L’Orma si occuperà di condurre in Italia il progetto pilota. Questa è una pagina importante della nostra storia, un momento magico, un nuovo inizio.

In questi tre giorni abbiamo imparato molto da FitforKids, ci siamo confrontati con un altro approccio all’attività motoria per bambini e abbiamo fatto attività con i bambini di Copenaghen divertendoci un sacco.

Torniamo a casa carichi e ricchi di una nuova visione, la possibilità di poter portare il nostro contributo sia in Italia che in altri paesi del mondo.

Siamo felici.

Claudio Massa
Brand Ambassador

Tirocini in management dello sport

tirocini-management-sport

 

Fin dai primi anni della sua esistenza, L’Orma, ha dedicato cura ed attenzione alla crescita dei giovani, alla loro formazione continua e all’inserimento nel modo del lavoro.

Alcuni dei progetti di affiancamento e inserimento lavorativo sono diventati progetti di attività tutt’ora vivi nella quotidianità de L’Orma; Molti tirocini universitari sono sfociati in tesi di Laurea; Alcuni ragazzi sono partiti da qui per poi intraprendere una spumeggiante carriera professionale, ricchi dell’esperienza maturata.
L’Orma si può descrivere proprio come una palestra in cui allenarsi, sperimentare e ricevere feedback utili alla propria riprogettazione.
Intraprendere un tirocinio formativo da noi, vuol dire decidere di mettersi in gioco, di mettere in discussione i propri saperi, di nutrirsi delle esperienze del gruppo e di condividere le diverse professionalità in ambito progettuale, educativo e di promozione sociale.

Offriamo un percorso formativo capace di approfondire sia le hard skils – competenze tecniche specifiche e necessarie per svolgere i propri compiti, sia le soft skills – abilità legate alla personalità che mirano a migliorare attitudine al lavoro di gruppo, problem solving, flessibilità, motivazione, creatività, gestione del tempo, etc.

Consapevoli dell’esperienza maturata in questi anni, abbiamo accolto con piacere e orgoglio la richiesta dell’Università di Pavia di ricevere i tirocinanti provenienti dal corso di perfezionamento in management dello sport.

Work in progress per gli Ormacamp 2017

camp

 

Anche se guardando fuori dalla finestra non si direbbe, l’estate 2017 sta arrivando e L’ORMA è già al lavoro per preparare gli OrmaCamp estivi.
Con la voglia di esservi sempre più vicini, oltre a confermare le consuete location per Milano, sono attualmente in valutazione nuove sedi in città ma non solo.

Il movimento declinato in sport, espressività e socializzazione
, sarà sempre il “live motive “delle giornate guidate dai nostri OrmaCoach e la colonna sonora delle giornate sarà sempre a ritmo di divertimento, allegria e tanto colore!

Stay Tuned: non farti cogliere impreparato per l’APERTURA DELLE ISCRIZIONI IN PRIMAVERA!

Chiedere per Crescere

maestra-limito

 

I nostri OrmaCoach sono alla continua ricerca di stimoli, condivisioni e suggerimenti per migliorarsi e migliorare l’offerta formativa.

La nostra OrmaCoach Corinne ha intervistato una maestra della classe III di Limito e scoprire che i ragazzi coinvolti hanno “migliorato la capacità di interazione, cooperazione e collaborazione” è per noi motivo di gioia e soddisfazione infinita.

Corinne: “Cosa ne pensa del percorso affrontato finora?”

Maestra: “Il percorso di propedeutica al teatro, rivolto alle classi terze, ha riscontrato l’interesse e l’approvazione dei docenti: attraverso le attività proposte, gli alunni hanno conseguito maggiori competenze nella gestione degli spazi; lavorando a coppie e/o gruppi tra loro hanno migliorato la capacità di interazione, cooperazione e collaborazione. La richiesta da parte dell’operatrice di eseguire schemi motori definiti ha favorito, inoltre, la stimolazione dell’ascolto.”

Corinne: “I momenti preferiti?”

Maestra: “I momenti di accoglienza e saluto sono stati divertenti e accattivanti”

Corinne: “Un suo parere sull’operatrice che vi ha seguiti?”

Maestra: “L’operatrice che ha attuato il progetto ha instaurato un buon rapporto con gli alunni e ha gestito le dinamiche laboratoriali con estrema competenza”

PERCHÈNOICIFORMIAMO

perche-noi-ci-formiamo

 

Focus de L’Orma è da sempre la crescita personale dell’individuo nella sua interezza. Crescere significa avere la capacità di mettersi in gioco, avere gli strumenti per riconoscere la propria zona di comfort e allenarsi per andare oltre. Crescere significa aprire la mente al nuovo, accogliere nuove informazioni, sperimentare attività, sviluppare il pensiero critico e creativo. Crescere significa studiare, confrontarsi, formarsi.

Questo è l’obiettivo educativo a cui tendiamo attraverso le proposte di contenuto dei Percorsi didattici per la scuola. Non vogliamo insegnare una particolare disciplina, sportiva o artistica, ma desideriamo sviluppare competenze trasversali per incentivare l’apprendimento permanente.

Insegnare non è solo sapere: è anche essere un esempio e avere gli adeguati strumenti per rendere il nostro intervento efficace. Spetta a noi insegnanti essere alla continua ricerca di metodi differenti da concretizzare in relazione al contesto sociale in cui operiamo.

Non puoi insegnare ad imparare se non sei tu il primo disposto a farlo.

PERCHÈNOICIFORMIAMO!  È il percorso di formazione continua che gli OrmaCoach seguono durante tutto l’anno per ricercare e sperimentare diversi metodi di insegnamento finalizzati alla crescita dell’individuo.

La condivisione degli apprendimenti è, per noi de L’Orma, un fondamentale momento di crescita e sviluppo di competenze multidisciplinari: ogni OrmaCoach, infatti, mette in campo passioni e professionalità diverse.

Sono ormai parecchi anni che seguo il progetto formativo per gli OrmaCoach e mi rendo conto che ogni volta è un nuovo viaggio, ogni incontro  è un nuovo  punto di partenza su cui costruire  e sperimentare proposte di attività e metodologie di insegnamento.

Sara Marini
Head Coach

L’Orma firma il Welfare di TenarisDalmine

tenaris

 

tenarisi-attivita-5“Durante l’estate 2016, accolta da entusiasmo, si è svolta a Dalmine la prima edizione di Pentacamp, il progetto di conciliazione estiva promosso dalla Federazione Pentathlon Moderno, erogato dall’Orma con il supporto del CUS Bergamo ed  il patrocinio del Comune di Dalmine.

In questo progetto TenarisDalmine ha avuto un ruolo rilevante: infatti, oltre ad adottare il PentaCamp come proposta di welfare aziendale per i propri dipendenti, l’azienda  ha partecipato all’organizzazione con un cospicuo contributo, per garantire rette agevolate anche agli iscritti residenti nel Comune di Dalmine, non figli di dipendenti.

Il PentaCamp  ha coperto l’intero periodo di sospensione scolastica estiva –  con una breve pausa solo nelle due settimane centrali di agosto – e le adesioni sono andate oltre le  aspettative: il contributo di TenarisDalmine ha interessato un totale di 475 presenze settimanali durante il periodo di attività, suddivise in 249 per figli dipendenti e 226 per residenti sul territorio di Dalmine. La media dei ragazzi per i quali TenarisDalmine ha erogato un contributo è  di n. 43 a settimana.tenarisi-attivita-4

L’intero PentaCamp è stato condotto secondo le metodologie dell’Orma, associazione che da più di 16 anni propone percorsi formativi esperienziali e progetti basati sul movimento: il movimento come strumento di crescita e scoperta. L’alto gradimento espresso dalle famiglie è attribuibile alla professionalità dello staff nel gestire l’organizzazione pratica delle giornate, ascoltare i bisogni dei ragazzi e coinvolgerli  nelle varie attività. Anche per l’estate 2017 abbiamo infatti già ricevuto numerose richieste per la replica dell’iniziativa.”

Marzia Quadri
TenarisDalmine

tenarisi-attivita-1

La serietà del gioco

“Il mio lavoro è un gioco. Un gioco molto serio.”

teatro
Così diceva Maurits Escher, artista olandese, parlando della sua arte. E’ un concetto che possiamo trasferire anche nel teatro. Non a caso la traduzione inglese del verbo “recitare” è “to play”.

I bambini consegnano al gioco una grandissima importanza e serietà, rendendo quel momento estremamente vero e bello. Noi de L’Orma siamo convinti che sia il teatro abbia il potere di consegnare al gioco un’enorme forza espressiva.
Durante il laboratorio TeatroInMovimento che si stiamo svolgendo nella Scuola Elementare G.B. Da Bussero, ci siamo divertiti molto a sperimentare molti modi di recitare, imparando a gestire e avere padronanza di tutti i linguaggi teatrali.

Abbiamo imparato che, partendo da una semplice camminata libera, possiamo arrivare a interpretare un personaggio nato dalla nostra fantasia: oltre ad avere una gestione autonoma dello spazio circostante, riscaldiamo il corpo e attiviamo l’attenzione e i riflessi dei bambini con giochi molto divertenti.  Da un particolare modo di camminare o di parlare possiamo costruire un personaggio con determinate caratteristiche: buffo o serio, allegro o arrabbiato. E lui o lei avrà un carattere che, noi e solo noi, possiamo interpretare e rendere unico!

Il teatro aiuta ad avere rispetto per gli altri e a comprenderne le differenze: dobbiamo imparare ad ascoltare con attenzione i compagni, a captarne le intenzioni e a rispettare i loro tempi. Solo così si può recitare insieme.

Nel gioco dell’improvvisazione, dove non esiste un copione ma solo la nostra fantasia, possiamo catapultarci nelle situazioni più esilaranti. Come quando, ad esempio, nella lezione prima di Natale, abbiamo interpretato i folletti di Babbo Natale impegnati nella fabbrica dei giocattoli a preparare i regali da portare ai bambini.

Il tono di voce, inoltre, è molto importante: quando recitiamo tutti devono poterci sentire in modo chiaro e forte e dalla voce devono venir fuori le intenzioni del nostro personaggio.

Ormai manca poco allo spettacolo finale… ci stiamo preparando a dovere per offrirvi uno show indimenticabile!

Vi aspettiamo il 22 febbraio per deliziarvi con un pomeriggio teatrale!

Anna Bodei

OrmaCoach

Dicembre è un mese proprio bello

Il mese di dicembre è sempre un mese molto atteso: c è chi aspetta il ponte di Sant’Ambrogio e dell’Immacolata per fare la prima sciata, chi aspetta il suono del campanellino di Santa Lucia, chi scrive la letterina per Babbo Natale e chi si diverte realizzando addobbi, luci, alberi e presepi per rendere festosa l’attesa del Natale.

Dicembre è un mese proprio bello, nel quale noi de L’Orma, aspettiamo l’evento finale dei primi percorsi dell’anno scolastico. Aspettiamo questo momento perché rappresenta la realizzazione dei nostri sogni, il momento in cui i bambini si mettono in gioco e fanno vedere ciò che insieme a noi sono riusciti ad imparare. Aspettiamo questo momento perché non c’è regalo più bello del vedere le emozioni sul volto dei bambini: agitazione, euforia, qualche lacrima e tanti sorrisi!

In queste settimane, Matteo ha salutato le classi del plesso di via Visconti che hanno seguito il progetto WE LOVE PLAY! Lo sport in classe, il movimento per socializzare, crescere ed imparare.

La nostra Coach Caterina settimana scorsa ha tenuto le lezioni aperte con le famiglie di alcune classi della scuola primaria dell’IC Diaz. In questa scuola si è svolto il progetto CLASS BUILDING, un percorso nato per sostenere i docenti e condividere con loro tecniche e strategie finalizzate a fare sentire il gruppo classe una vera e propria squadra. È un lavoro basato sulla valorizzazione della diversità vista come punto di forza e di ricchezza e non di pregiudizio e discriminazione. I genitori, le insegnanti, i nostri Coach, e quindi tutte le figure educative che ruotano intorno al mondo del bambino, hanno avuto l’occasione di mettersi in gioco al fianco degli studenti con attività di team building, condividendo regole e stilando un patto di squadra da seguire nel corso del prossimo anno.

Venerdì scorso, nel lodigiano, i nostri piccoli amici delle scuole dell’infanzia, si sono esibiti sul palco regalandoci una bellissima festa di Natale: una soddisfazione vederli esibirsi mostrandoci tutto ciò che nel percorso IL MIO CORPO CHE… hanno potuto sperimentare. Hanno mosso il loro corpo tra ritmo, musica e i colori; Guidati da Valentina, ci hanno mostrato il gioco del vigile, la foresta incantata e le acrobazie del circo magico.

I bambini più grandicelli delle scuole primarie sono saliti, invece, sui grandi palchi dei teatri milanesi per mettere in scena i loro musical!  A conclusione del percorso ORMUSICAL hanno intrattenuto genitori, nonni, zii cugini e amici con coreografie strabilianti e copioni divertenti sotto la direzione delle nostre Coach Laura e Corinne.

E’ calato il sipario di questa prima parte di attività, ma noi continuiamo a sognare e a preparare nuove idee per il prossimo anno.

Auguriamo BUONE FESTE a tutti i nostri fans e a tutti i bambini del mondo.

Ci vediamo nel 2017!

Christmas Party

Venerdì 23 dicembre vieni a festeggiare con noi il Natale al ritmo della musica dei MaH BuH BaH.

Ti aspettiamo dalle ore 21.27 allo Spirit de Milan in via Bovisasca 59.

DRESSCODE: Rosso (come L’Orma ovviamente – a tua scelta vestito o accessorio).

Spirit de Milan

Nella storia dello sport

La realtà oggettiva ha sempre un lato soggettivo che è quello che solo i nostri occhi colgono; dopo più di 20 anni quella piscina mi sembrava immensa. Gli odori, i suoni e le abitudini delle persone le stesse di sempre, come se nulla fosse successo da allora.

penta4L’ultima volta avevo 17 anni, un modesto campionato regionale organizzato dalla UISP, la mia allenatrice cercava di tirare fuori il massimo da un atleta che poco ancora aveva da dare al nuoto, la testa mi frullava per altre cose e la noia dopo tanti anni di gare era troppa per poter arrivare in piscina motivato. Quel giorno sono uscito in silenzio, un nome tra i tanti iscritti che, al termine della competizione, poco ha contribuito a dare senso alla sua presenza e a quella della società che rappresentava. Non mi sarei mai aspettato che poi mi sarebbe mancato così tanto gareggiare.

Tutt’ad un tratto eccomi di nuovo qui, calato ancora dentro a quel ridente e sportivo contesto a rappresentare L’Orma, a nuotare per L’Orma, due grandi pezzi della mia vita che si uniscono.penta1

Tra l’altro il palcoscenico è splendido, altisonante per chi, come me, ha sempre vissuto lo sport. Siamo all’Acqua Acetosa di Roma, la casa italiana dello sport per eccellenza, gareggiamo per i campionati italiani di combinata della FIPM. In squadra siamo in tre, io nella categoria Master, Gaja ed Elisabetta nella categoria allieve. Dal 2016 L’Orma è iscritta alla FIPM Federazione Italiana Pentathlon Moderno.

Ci sono un sacco di bambini e ragazzi che, nella prima parte di mattinata danno vita ad infinite batterie di stile libero.

Arriva il momento delle ragazze alla loro prima gara ufficiale: sono emozionate e molto condizionate dal contesto sportivo; tra le loro avversarie ci sono atlete già professioniste tesserate per i corpi sportivi nazionali delle forze dell’ordine. Elisabetta si comporta molto bene in acqua ottenendo 122 punti. Gaja, purtroppo, si attarda e raccimola poche decine di punti.

Poco dopo tocca a me, che spettacolo, come sempre senza occhialini, sono passati gli anni e non ho ancora imparato a tuffarmi senza perderli. Mi sono allenato parecchio per poter fare una bella gara ma non ho idea del tempo che potrei fare, soprattutto perché è da molto che non nuoto in una vasca da 50 Metri, ci presentano chiamandoci per nome e ne approfitto per mettere in mostra il logo de L’Orma sulla maglia rossa sempre presente. Al fischio si parte! e via! una sensazione fantastica due meravigliose vasche nuotate con cura e parsimonia al traguardo: sono secondo e ho realizzato 245 punti. Bellissimo.

La giornata continua poi con la prova di corsa sulla pista di Atletica: la somma dei due punteggi avrebbe poi dato la classifica finale. La cornice è meravigliosa, molte persone presenti per gareggiare, per vivere lo sport; lo speaker, che non si risparmia, con il suo commento tecnico rende uniche tutte le gare, il pubblico che applaude ogni atleta in gara. Noi ci siamo con il nostro piedone ben in vista. Elisabetta purtroppo non ce la fa, un leggero infortunio le impedisce di portare a termine la gara; Gaja tenace chiude i 7,5 giri della sua prova resistendo il più possibile al passo scatenato delle sue avversarie, un ottimo esordio. Al termine Elisabetta sarà quarta e Gaja sesta. Forza ragazze.

penta2L’ultima batteria della giornata è quella dei Master, 2000 metri, 5 giri. Sono pronto a dare il massimo. Gli altri sono velocissimi, super allenatissimi e mi sfuggono in un baleno, mi sono allenato molto e conosco il mio limite, quindi cerco il mio ritmo per evitare di dover, esausto, abbandonare prima la gara. Ad un giro dal termine mi sento bene e pimpante, lo speaker mi incita e il pubblico mi applaude per incoraggiarmi a chiudere la gara, ero l’ultimo quindi ben in vista: quale occasione migliore per mostrare la maglia con il logo de L’Orma? Racimolerò solo qualche punticino nonostante un mio miglioramento personale; al termine della gara nella classifica generale sarò 5°.

Mi auguro possano esserci altri giorni come questo e che in futuro sempre più atleti decidano di vivere insieme a L’Orma queste splendide esperienze fatte di passione e energia positiva rigenerante.

 

Claudio Massa

Brand Ambassador